Bidonì

Gemellaggio tra Cabras e Baunei

Si chiama Giants of Sardinian Island e forse non è un caso se per l'esordio dell'iniziativa gli organizzatori dell'associazione Connessioni Culturali di Triei abbiano scelto di puntare su Cabras, notoriamente terra di Giganti, per ospitare sabato 1 e domenica 2 dicembre l'evento per valorizzare le tradizioni e i prodotti dell'Ogliastra. Una sorta di gemellaggio a distanza con Baunei, che lo ospiterà a sua volta sabato 9 e domenica 9. Giants of Sardinian Island, ha spiegato la presidente dell'associazione Manuela Mameli nel corso di una conferenza stampa tenuta proprio a Cabras alla quale ha partecipato anche il sindaco del paese Andrea Abis, è un progetto di valorizzazione e promozione di tutte le eccellenze della Sardegna. Per il doppio appuntamento di Cabras e di Baunei le eccellenze, i "giganti", saranno i territori, le tradizioni popolari e in particolare musicali e i prodotti dell'agroalimentare. "Cabras e Baunei hanno molte cose in comune", ha detto il primo cittadino del centro lagunare, riferendosi alle rispettive turistiche, naturalistiche e culturali, spiegando che "il confronto, seppure a distanza, può essere utile per entrambe le comunità". Il progetto coinvolge anche le scuole elementari dei due centri, che ospiteranno, in orario curriculare, specifici laboratori didattici dedicati alle tradizioni musicali dell'isola. I laboratori musicali saranno proposti però anche nel corso del doppio evento, che a Cabras sarà ospitato nelle sale del Centro Polivalente di via Tharros e a Baunei in piazza Indipendenza. La scaletta dei due eventi propone anche passeggiate guidate nel due centri abitati e mostre fotografiche sulle bellezze del territorio. Ma il clou dei due appuntamenti sarà costituito dalla degustazione, esposizione e vendita dei sapori del territorio, accompagnati dalle esibizioni di artisti, gruppi folkloristici, suonatori di launeddas e cori polifonici. Il progetto dell'associazione Connessioni culturali, cofinanziato dalla Regione, prevede anche una tappa in Cina, alla scuola di musica Diyi Culture Art nella città di Hangzhou.(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie